ACCOGLIENZA

Il progetto di accoglienza dei richiedenti asilo nasce dall’emergenza nord Africa tra il 2011 e il 2012. Il Ce.Sto privilegia un’accoglienza diffusa, integrata e familiare; per questo i nostri 113 richiedenti asilo (98 del progetto emergenza della prefettura e 16 del progetto SPRAR Servizio di Protezione dei Richiedenti Asilo e Rifugiati, in rete col comune) sono ospitati in piccoli appartamenti in affitto, volutamente sparsi per il centro città con l’intento di favorire l’integrazione in rete con la comunità.

accoglienza

La nostra idea di accoglienza diffusa

La nostra idea di accoglienza: 18 nostri operatori professionisti, 15 collaboratori tra mediatori e insegnanti e diversi volontari, sono quotidianamente impegnati nei 20 alloggi che l’Associazione affitta per ospitare piccoli nuclei di persone o famiglie. Il loro lavoro non consiste solo nella distribuzione di alimenti, fornitura di generi di prima necessità e indumenti, assistenza medica, supporto nelle pratiche burocratiche da espletare presso gli uffici preposti, ma soprattutto si aiuta l’integrazione di queste persone attraverso l’insegnamento della lingua italiana, l’educazione alla gestione della casa e all’igiene. Vengono organizzate poi iniziative congiunte quali feste, cene, concerti, attività culturali e sportive: un’ottima occasione per conoscersi e stare insieme. Alcuni degli ospiti partecipano ad attività formative di volontariato con finalità sociali per contribuire sia ai progetti di rivitalizzazione del quartiere (pulizia dell’area archeologica) sia alla manutenzione delle aree verdi pubbliche (Giardini Baltimora e Giardini Luzzati). Per accogliere, integrare ed educare all’autonomia!